Vinitaly

bollicinews

1. Seleziona prodotto
2. Seleziona bottiglia
3. Numero serie
4. Numero contrassegno
Per una dimostrazione
inserire il seguente
codice d'esempio:

Moscato di Asti
75 cl
aaa
1234567
bollicinews
bollicinews bollicinews

Vinitaly

Dolce

Vinexpo

Vinitaly

L’evento. Per tre giorni il Moscato d’Asti docg superstar a Torino, tra talk-show e assaggi guidati nei caffè e nelle pasticcerie cittadine. Eno-ciceroni gli stessi produttori

TORINO – “Il Moscato d’Asti risveglia il dolce che c’è in te”. Con questo titolo il Consorzio dell’Asti DOCG promuove una tre giorni torinese che impegnerà i produttori dell’aromatico vino in una iniziativa dal sapore molto piemontese.

A rinsaldare la naturale alleanza con coloro che per tradizione si occupano di dolcezza e ospitalità, 20 tra i più prestigiosi caffè e le pasticcerie storiche del centro della capitale sabauda ospiteranno, nel fine settimana del 3 e 4 dicembre, un produttore ciascuno. Sarà un viticoltore vero, non un addetto alle PR o un venditore rappresentante: una persona che ha da poco terminato con la sua famiglia la raccolta del moscato nelle vigne della zona DOCG delle province di Asti, Alessandria e Cuneo e sarà pronta a far assaggiare ai consumatori il suo vino fresco di vendemmia, carico dei profumi dell’uva, leggero, a basso tenore alcolico, che solo poche settimane fa era nei grappoli dorati dal sole.

Una “mappa del dolce tesoro” – che sarà distribuita a torinesi e turisti, e pubblicata sui giornali – guiderà i consumatori nella ricerca delle “Facce da Moscato” dei produttori, che attenderanno a un tavolino all’interno del locale per poter offrire un calice di Moscato d’Asti DOCG (il primo DOCG 2011 ad arrivare sul mercato) e scambiare quattro chiacchiere senza fretta.

L’operazione “Risveglio della dolcezza” ha l’ambizione di voler essere un’occasione reale di conoscenza: ogni produttore si racconterà, superando magari la naturale timidezza contadina. E soprattutto avrà l’orgoglio di far assaggiare il suo vino appena imbottigliato e già pronto per i brindisi, in coppe in vetro serigrafate. Ogni caffè e pasticceria storica organizzerà al meglio l’accoglienza, dalle 15 alle 19 del sabato e dalle 10 alle 13 della domenica, abbinando al Moscato d’Asti DOCG una propria specialità.

Ad anticipare più nel dettaglio il programma dell’iniziativa, e per dialogare sul rilancio di questo vino aromatico, venerdì 2 dicembre Palazzo Madama sarà teatro dell’incontro pubblico “Il Moscato d’Asti risveglia il dolce che c’è in te”, rivolto a produttori, media e operatori del settore. A partire dalle 18,30 le Sale del Senato si animeranno grazie al dibattito condotto dal giornalista Sergio Miravalle, che racconterà il mondo del Moscato d’Asti DOCG, commentandone i tanti primati, dialogando con il presidente ed il direttore del Consorzio dell’Asti DOCG, Paolo Ricagno e Giorgio Bosticco. All’incontro interverranno anche il professor Giorgio Calabrese e quattro esperti americani, a conferma dell’importanza dell’export e dei successi che il Moscato d’Asti e l’Asti spumante ottengono in tutto il mondo: i giornalisti Joshua Greene (editore della prestigiosa rivista Wine & Spirits), Anthony Giglio (curatore della guida dei vini della rivista Food&Wine e collaboratore di numerose testate statunitensi, fra le quali La Cucina Italiana), Kerin O’Keefe (autrice di Brunello di Montalcino, University of California Press, e corrispondente per Decanter e World of Fine Wine), e il blogger/enotecaro Gregory Dal Piaz (www.snooth.com).

 

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>